A.R.A. Piemonte
Associazione Regionale Allevatori Piemonte
 

Gestione Controlli Funzionali e tenuta del Libri Genealogici

download (15).jpg


Le diverse tipologie di controllo funzionale utilizzate per il comparto bovino, riconosciute in ambito ICAR (Comitato Internazionale di Controllo), sono così suddivise:

 

LATTE

- Controllo A4: frequenza da 26 a 33 giorni e rilevamento della produzione su tutte le mungiture effettuate nel giornata con presenza del controllore; prelievo proporzionale sulle mungiture effettuate.

- Controllo ATJ: frequenza da 26 a 33 giorni (AT4J) oppure frequenza da 32 a 40 giorni (AT5J) utilizzato nelle Aziende dotate di lattometri elettronici omologati. Le produzioni vengono rilevate in una mungitura dal controllore e l’altra o le altre raccolte direttamente dai lattometri elettronici. E’ prevista la presenza del controllore e prelievo effettuato con obbligo di alternanza Mattino/Sera o Mattino/Pomeriggio/Sera.

- Controllo AT4: frequenza da 26 a 33 giorni con rilevo delle produzioni e prelievo su una sola mungitura con obbligo di alternanza Mattino/Sera o Mattino/Pomeriggio/Sera.

- Controllo AT5: frequenza da 32 a 40 giorni con rilevo delle produzioni e prelievo su una sola mungitura con obbligo di alternanza Mattino/Sera o Mattino/Pomeriggio/Sera. Su questo metodo il sistema di finanziamento a forfait parametra tutta la spesa ammessa a contributo

- Controllo ROBOT: prelievo e raccolta dati con frequenza da 26 a 33 giorni utilizzando i prelevatori autorizzati, con frequenza AT4 o AT5. Prelievo proporzionale totalmente automatizzato.

 

 CARNE

- Controllo AR8N: visita all’incirca ogni 8 settimane per il rilievo dei dati riproduttivi (Barà Pustertaler, Pezzata Rossa linea carne, Piemontese);

- Controllo AR4N: visita all’incirca ogni 4 settimane per il rilievo dei dati riproduttivi (solo per la Piemontese);

- Controllo ARZN: visita all’incirca ogni 6 mesi per il rilievo dei dati riproduttivi (Barà Pustertaler, Pezzata Rossa linea carne, Pezzata Rossa d’Oropa);

- Controllo ARM: visita all’incirca ogni 4 mesi per il rilievo dei dati riproduttivi ed eventuale pesatura dei soggetti (Chianina, Limousine, Charolaise, ect);


OVINI e CAPRINI

I controlli funzionali degli ovini da latte riguardano prevalentemente gli ovini della razza delle Langhe con quasi 2.000 capi controllati nel 2015; per quel che riguarda le capre da latte i controlli sono effettuati prevalentemente negli allevamenti che allevano razze Saanen, Camosciata e Roccaverano.


Nell’ambito dei Controlli Funzionali per i bovini da latte il controllo qualitativo del latte si è basato sulla determinazione analitica del contenuto di Grasso, Proteine, Lattosio, Cellule Somatiche oltre ai consolidati parametri urea e caseina, eseguita sui campioni di singole vacche, prelevati mensilmente dai Controllori ed analizzati presso il laboratorio “Centro Latte” ARAP. La regolarità di esecuzione dei Controlli Funzionali da parte dei tecnici ARAP è stata verificata sul territorio dagli ispettori AIA.


Nell’ambito dell’attività istituzionale dei controlli il Sistema Allevatori pone da tempo molta attenzione all’innovazione, al miglioramento dei servizi ed al contenimento dei costi unitari dell’attività di raccolta e gestione dei dati. In quest’ottica ricordiamo come nel 2015 sia andata completamente a regime, nell’attività dei Tecnici di campagna, l’uso di SIALL-CF che, grazie anche ai nuovi cattura-dati connessi direttamente al server AIA, permette di “chiudere” il controllo funzionale in allevamento con una più fruibile e veloce elaborazione dei dati aziendali ad uso dell’allevatore, il quale può disporre appunto dei dati organizzati in appositi elaborati (es. sintetico collettivo). SIALL-CF ha permesso di contenere, in misura importante il costo del personale d’ufficio ARAP.

Nell’ambito dei controlli bovini latte l’ARAP ha continuato a proporre anche per il 2015 agli allevatori il controllo AT4 (che prevede 10/11 visite/anno) in alternativa al controllo AT5 previsto dal “forfait” (8/9 visite/anno) con un incremento della quota associativa. L’adesione a questo servizio si è attestata a circa il 70% degli allevamenti. Occorre sottolineare inoltre che con l’introduzione della selezione genomica si stanno ottenendo ottimi risultati sia per quel che riguarda il miglioramento della linea maschile (incremento indice PFT) sia della linea femminile (scelta mirata delle madri di toro).

Per quel che riguarda la gestione aziendale ricordiamo l’introduzione del programma “Si@lleva”, predisposto dall’AIA, che ha sostituito il programma “Cincinnato”. Questo nuovo software si sta rivelando valido sia per qual che riguarda la facilità di utilizzo sia per qual quel che riguarda la qualità e l’utilità degli elaborati disponibili in allevamento. Si@lleva è apprezzabile inoltre per la sempre più completa possibilità di integrazione delle informazioni che riguardano anche la gestione dell’Anagrafe zootecnica (BDN) che per la Gestione dell’Armadietto Veterinario. Analoghi programmi sono stati predisposti dall’ANaBoRaPi anche per quanto riguarda il comparto carne (WEB GAP).

Nel 2015 il servizio controllo impianti di mungitura ha consentito il monitoraggio dei flussi di mungitura per i singoli animali. Questo servizio beneficia di un costante aggiornamento tecnico da parte dell’Associazione Italiana Allevatori.


Per visionare i Disciplinari di Registri Anagrafici e Libri Genealogici vai al link 

http://www.aia.it/aia-website/it/settori/area-tecnica/ufficio-sviluppo/ufficio-centrale-dei-controlli-sulla-produttivita-animale

Questo sito fa uso di cookie tecnici e analitici per una tua migliore esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito, accetti la nostra policy di uso dei cookie. Leggi la Cookie Policy